Pastorale americana
  • 9788806174118
  • Einaudi
  • 2005

Pastorale americana

di Philip Roth

Seymour Levov è alto, biondo e atletico. Malgrado sia di origine ebraica al liceo lo chiamano "lo Svedese". Negli anni '50 sposa miss New Jersey, avviandosi ad una vita di lavoro nella fabbrica del padre. Nella sua splendida villa cresce Merry, la figlia cagionevole e balbuziente. Finché arriva il giorno in cui le contraddizioni del paese raggiungono la soglia del suo rifugio, devastandola. La guerra del Vietnam è al culmine. Merry sta terminando la scuola e ha l'obiettivo di "portare la guerra in casa". Letteralmente. Fonte http://www.ibs.it/code/9788806174118/roth-philip/pastorale-americana.html


Acquista su Amazon.it
Acquista su ibs.it

Commenti (10)

10/06/2011 - Moraschi
utente
"Un libro deve essere come un'arma che possa rimpere i mari ghiacciati dentro di noi" All'inizio degli anni settanta, nell'America rabbiosa del Vietnam e dello scandalo Watergate, la vita di Seymour Levov è apparentemente perfetta: campione sportivo, imprenditore di successo, marito fedele e padre esemplare. Ma cosa si nasconde dietro questa facciata di ordine e tranquillità? Quale tragedia è celata tra le pieghe dell'idilio che lo unisce all'amatisima figlia? Merry, bambina delicata ed intelligente, si è trasformata in un'adoloscente intollerante e dogmatica. Ha solo un obiettivo, quello di portare la guerra in casa e lo farà con un gesto sanguinoso e disperato. P. Roth con questo libro riesce davvero a rompere i mari ghiacciati dentro di noi...è un libro duro e spesso ti viene voglia di buttarlo via, ma poi lo riprendi perchè la storia che racconta è interessante e ci impieghi un pò a leggerlo perchè ti fa pensare.... I dettagli della vita del protagonista e l'incessante accanimento per capire le ragioni del gesto della figlia, hanno il potere di spaccarti. Ci identifichiamo in lui e proviamo dolore e pena per ciò che accade, ci poniamo interrogativi ai quali l'autore non sempre fornisce risposte...forse nessuno le conosce

Leggi la recensione

26/01/2012 - emera
23/02/2012 - sofia
utente
Sin dalle prime pagine del testo di Pastorale Americana di Philip Roth appare evidente il rapporto intricato fra i vari personaggi della storia.Lo scrittore Nathan Zuckerman alter ego di Roth è la voce narrante di tutto il libro il cui protagonista principale è Seymour Levov biondo ebreo chiamato per questo "lo svedese", il miglior atleta del liceo idolo dello scrittore Zuckerman chiamato in gioventù Skip. Le pagine del libro sono intrise di digressioni, notizie sulla politica e la società americana che contribuiscono a creare la scenografia sulla quale si muovono protagonisti e comprimari e che rendono la lettura abbastanza complessa.Zuckerman dopo un incontro fortuito con il suo idolo adolescenziale riceve da lui una lettera che gli fa intravvedere la possibilità di scrivere una biografia su questo personaggio ma nell'incontro con Seymour cade un mito:"Tutto quello che diceva era soffuso di melensaggine, ineccepibili banalità, balordaggine… era una damigiana di autocompiacimento, quest’uomo non può essere incrinato dal pensiero… non sapevo se avesse dei pensieri".Rimane perplesso ma incuriosito quando alla 45^ riunione degli ex allievi del liceo incontra il fratello di Seymour Jerry che gli comunica la sua morte.E qui inizia la fase più interessante del romanzo la storia di Seymour raccontata da Zickerman. sarà vera? O sarà frutto della fantasia dello scrittore?La storia vera o inventata che sia è il fulcro del romanzo diventa un scavare nella coscienza dello "Svedese" nei suoi rapporti con la figlia balbuziente Merry, della sua rabbia crescente fino a spingerla a diventare una terrorista.Sarà questo il dolore che dilania Seymour che spezza la sua famiglia che fa de La Pastorale l'antitesi del tema bucolico insito nel nome, una famiglia che ha fatto del successo della bellezza il suo credo che viene spezzata dall'anticonformismo della figlia.Un libro che ti lascia molte domande alle quali non sai dare che una risposta che arriva dalla reazione di Seymour all'ultima telefonata del misterioso personaggio di Rita Cohen:“Una grande idea si impossessa di lui: la sua capacità di soffrire non esiste più” Da leggere!

Leggi la recensione

27/05/2012 - debnik
utente
Da leggere e rileggere... Un bellissimo romanzo. Inizia con un protagonista che, nella seconda parte del libro, diviene solo voce narrante. O meglio, inizialmente la storia è in prima persona per poi divenire in terza. L'autore è grandissimo nel non lasciare tracce di ciò che pensa pur toccando argomenti molto forti... la guerra nel Vietnam, gli ebrei ed i cattolici, la borghesia e la povertà, il ruolo dei genitori, l'apparire contrapposto all'essere... Attraverso i suoi personaggi mette sul tavolo tutte le possibili varianti di opinioni dando così al lettore la possibilità di vedere i problemi da ogni angolazione e prendere così la propria decisione. Avendo io una figlia di 14 anni, ovviamente ho messo più a fuoco ed ho dato più importanza al ruolo di genitore. Lo Svedese come educatore di una figlia che diverrà un'assassina. Dove ha sbagliato? Ha sbagliato? Non pare, almeno a me. Ma ora ho una preoccupazione in più rispetto alle possibili compagnie che mia figlia potrà incontrare in un'età molto influenzabile da tutti tranne che dai genitori. A parte me, questo libro è da leggere e rileggere e rileggere

Leggi la recensione

05/09/2012 - Killthemall
utente
E' un libro molto bello.Che tocca tasti a cui credo ognuno di noi (in particolar modo se genitore) sia molto sensibile.Certo ognuno ha le proprie chiavi di lettura, e certo questo libro non parla solo del rapporto tra genitori e figli,del susseguirsi delle generazioni,del conflitto e della continuità insiti in esso.Parla dell'abisso tra ciò che vorremmo essere e magari (quasi sempre) non siamo,tra ciò che vorremmo il nostro mondo fosse e magari non è.Parla delle tensioni,delle lacerazioni,delle aspirazioni che ogni essere umano porta in sè, e della lotta che deve compiere per districarsi tra le cose (e le persone,e i sentimenti,che proviamo nonostante noi stessi) che ci spingono avanti e quelle che ci spingono contro un muro. E parla della società,della religione,dell'economia,del razzismo..Insomma Roth come sempre nei suoi libri alla fine ci mette un pò di tutto e ognuno di noi sceglie cosa mettere in primo piano. - La tragedia dell'uomo impreparato alla tragedia:cioè la tragedia di tutti.

Leggi la recensione

05/09/2012 - Killthemall
utente
E' un libro molto bello.Che tocca tasti a cui credo ognuno di noi (in particolar modo se genitore) sia molto sensibile.Certo ognuno ha le proprie chiavi di lettura, e certo questo libro non parla solo del rapporto tra genitori e figli,del susseguirsi delle generazioni,del conflitto e della continuità insiti in esso.Parla dell'abisso tra ciò che vorremmo essere e magari (quasi sempre) non siamo,tra ciò che vorremmo il nostro mondo fosse e magari non è.Parla delle tensioni,delle lacerazioni,delle aspirazioni che ogni essere umano porta in sè, e della lotta che deve compiere per districarsi tra le cose (e le persone,e i sentimenti,che proviamo nonostante noi stessi) che ci spingono avanti e quelle che ci spingono contro un muro. E parla della società,della religione,dell'economia,del razzismo..Insomma Roth come sempre nei suoi libri alla fine ci mette un pò di tutto e ognuno di noi sceglie cosa mettere in primo piano. - La tragedia dell'uomo impreparato alla tragedia:cioè la tragedia di tutti.

Leggi la recensione

05/04/2013 - Gino
utente
Pastorale americana è un romanzo scritto nel 1997 da Philip Roth. In esso si racconta la vita del suo personaggio principale, Seymour Levov ("lo svedese", o "the Swede"), ed in particolare come le sue grandi doti personali ed i suoi enormi sforzi non siano sufficienti ad evitare un disastro familiare. La cornice di Pastorale americana è il 45o ritrovo degli allievi di una scuola superiore cui partecipa Nathan Zuckerman, un personaggio che compare quale alter-ego dell'autore in diversi romanzi di Roth. Al ritrovo degli ex-alunni della sua scuola, Zuckerman incontra il suo vecchio amico Jerry Levov, che gli racconta brevemente i tragici eventi della vita di suo fratello maggiore Seymour. Levov Seymour vive e cresce a Newark, suo padre è di origini ebraiche ed è proprietario di una fabbrica di guanti a rapida espansione, che dopo sarà affidata nelle sue mani. Seymour viene soprannominato “lo svedese” per via del suo aspetto che ricorda un uomo propriamente nordico, successivamente sposa Dawn Dwyer. Sembra che l’uomo abbia una vita perfetta, fintantoché nella loro vita non arriva una figlia, Merry che però ha un evidente problema, è balbuziente. Negli anni ’60 delle lotte razziali e della Guerra del Vietnam la ragazza diventa sembra più ribelle e anticonformista, arrivando ad allearsi con l’estrema sinistra di Weathermen. Questa è un po’ per sommi capi la storia, che in fondo narra di un mito della famiglia perfetta che non resiste, non è solida, non riesce a superare le difficoltà e si sgretola come sabbia al sole…nonostante l’impegno di Seymour. “Ecco un uomo che non è stato programmato per avere sfortuna, e ancora meno per l’impossibile. Ma chi è pronto per ad affrontare l’impossibile che sta per verificarsi? Chi è pronto ad affrontare la tragedia e l’incomprensibilità del dolore? Nessuno. La tragedia dell’uomo impreparato alla tragedia: cioè la tragedia di tutti.”

Leggi la recensione

24/11/2014 - Marosa61
utente
Comincio col dire che è un libro che non si legge tutto d'un fiato....anzi! Infatti la storia è alquanto complessa,con continui passaggi dal presente al passato,la scrittura è si scorrevole ma piena di continui allontanamenti dal tema centrale.Ciononostante la sofferenza di questi genitori,di questo padre, si sente tutta e genera una sorta di empatia nei suoi confronti perché come tutti genitori è vittima del troppo amore verso i figli e del suo tentativo di proteggerli (inutilmente!). In fondo la pastorale americana è proprio questo amare sua figlia nonostante tutto!,

Leggi la recensione

07/12/2016 - palmaleona
utente
Non ho mai letto un libro così lento, pesante, noioso ed inconcludente. Può anche aver fruttato al suo autore premi e riconoscimenti ma a me è parso semplicemente un esercizio di bella scrittura. La trama della storia, che potrebbe anche essere interessante per le tematiche trattate, si perde tra interminabili descrizioni, digressioni, riflessioni che poco hanno a che fare con il racconto. Ho lottato con la voglia di metterlo da parte centinaia di volte, ma ho deciso di terminarlo perchè semplicemente non sono abituata a dare giudizi su un libro prima di averlo finito tutto. Non lo consiglio a chi, come me , ama le storie incalzanti, coinvolgenti ed intense.

Leggi la recensione

01/03/2017 - Matik2003
utente
“Nessuno attraversa la vita senza restare segnato in qualche modo dal rimpianto, dal dolore, dalla confusione e dalla perdita. Anche a quelli che da piccoli hanno avuto tutto toccherà, prima o poi, la loro quota d’infelicità; se non, certe volte, una quot Pastorale americana è un romanzo che ci parla dell'America, dei suoi miti, delle sue nevrosi,delle sue contraddizioni, è un libro-manifesto che ci porta a conoscere questa nazione nel suo animo attraverso la vita di un uomo "lo Svedese", colui che tutti hanno "mitizzato" visto le sue grandi doti sportive, perché proprio lui ha sposato Miss New Jersey, tutto fa immaginare che abbia passato un'esistenza splendida, senza difficoltà, ma non è affatto così, lui si nasconde dietro una facciata di tranquillità e serenità, nasconde un mondo di sofferenza, di tragedia, di vergogna grazie a sua figlia Merry, colei che ha dato fuoco ed ucciso un uomo innocente, la rivoluzionaria che ha annientato tutto. "Io ho perso un marito, e i miei figli hanno perso il loro padre. Ma lei ha perso qualcosa di ancora più grande. Voi siete genitori che hanno perduto una figlia." Con una scrittura precisa, affilata, arrabbiata Roth ripercorre la storia americana dagli anni '50 agli anni '80, attraverso la famiglia dello "Svedese", accarezza i protagonisti, ci fa sguazzare nelle loro ragioni e nelle vite personali, c'è chi dà fuoco alle cose (Merry), chi tradisce (Svedese), chi rifà sé stessa per essere una donna nuova, oltre alla casa e all'architetto (Dawn), tutti disfano ardentemente, dove il sogno americano si spegne inevitabilmente.

Leggi la recensione

Immagine non disponibile

La leggenda del santo bevitore

Vai al libro

Immagine non disponibile

L'animale morente

Vai al libro

Immagine non disponibile

Operazione Shylock

Vai al libro

Immagine non disponibile

Ho sposato un comunista

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il seno

Vai al libro

Immagine non disponibile

Pastorale americana

Vai al libro

Immagine non disponibile

Lamento di Portnoy

Vai al libro

Immagine non disponibile

La macchia umana

Vai al libro

Immagine non disponibile

Lo scrittore fantasma

Vai al libro

Immagine non disponibile

Inganno

Vai al libro

Immagine non disponibile

Everyman

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il teatro di Sabbath

Vai al libro

Immagine non disponibile

Patrimonio

Vai al libro

Immagine non disponibile

Everyman

Vai al libro

Immagine non disponibile

Zuckerman

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il fantasma esce di scena

Vai al libro

Immagine non disponibile

La controvita

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il professore di Desiderio

Vai al libro

Immagine non disponibile

Ho sempre voluto che ammiraste il mio digiuno ovvero, guardando Kafka

Vai al libro

Immagine non disponibile

Pastorale americana

Vai al libro

Immagine non disponibile

Goodbye Columbus

Vai al libro

Immagine non disponibile

La macchia umana

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il teatro di Sabbath

Vai al libro

Immagine non disponibile

Indignazione

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il grande romanzo americano

Vai al libro

Immagine non disponibile

Goodbye, Columbus e cinque racconti

Vai al libro

Immagine non disponibile

Zuckerman scatenato

Vai al libro

Immagine non disponibile

Pastorale americana

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il complotto contro l'America

Vai al libro

Immagine non disponibile

Operazione Shylock

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il teatro di Sabbath

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il professore di desiderio

Vai al libro

Immagine non disponibile

Quando lei era buona

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il teatro di Sabbath

Vai al libro

Immagine non disponibile

La lezione di anatomia

Vai al libro

Immagine non disponibile

Pastorale americana

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il grande romanzo americano

Vai al libro

Immagine non disponibile

Il teatro di Sabbath

Vai al libro

Immagine non disponibile

Lasciar andare

Vai al libro

Immagine non disponibile

La nostra gang

Vai al libro

Immagine non disponibile

La mia vita di uomo

Vai al libro

Immagine non disponibile

L'orgia di Praga

Vai al libro

Immagine non disponibile

I fatti. Autobiografia di un romanziere

Vai al libro

Immagine non disponibile

I fatti. Autobiografia di un romanziere

Vai al libro