L'inferno è una buona memoria: Visioni da "Le nebbie di Avalon" di Marion Zimmer Bradley, recensito da sofia su Bookville.it

Notizie sull'autore: MICHELA MURGIA Nel 2006 ha pubblicato con Isbn Il mondo deve sapere, il diario tragicomico di un mese di lavoro che ha ispirato il film di Paolo Virzì Tutta la vita davanti. Per Einaudi ha pubblicato nel 2008 Viaggio in Sardegna. Undici percorsi nell'isola che non si vede, nel 2009 il romanzo Accabadora con cui ha vinto l'edizione 2010 del Premio Campiello, nel 2011 Ave Mary (ripubblicato nei Super ET nel 2012), nel 2012 Presente (con Andrea Bajani, Paolo Nori e Giorgio Vasta) e nel 2012 il racconto L'incontro. È fra gli autori dell'antologia benefica Sei per la Sardegna (Einaudi 2014, con Francesco Abate, Alessandro De Roma, Marcello Fois, Salvatore Mannuzzu e Paola Soriga), i cui proventi sono stati destinati alla comunità di Bitti, un paese gravemente danneggiato dall'alluvione. Nel 2018 il suo L'inferno è una buona memoria. Visioni da Le nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley ha inaugurato la collana PassaParola di Marsilio. "Sono nata in Sardegna, e per quanti indirizzi abbia cambiato in questi anni, dentro non ho mai smesso di abitarla, sognandola indipendente in ogni accezione del termine. Mi sono diplomata in una scuola tecnica e dopo ho fatto studi teologici, ma questo non ha fatto di me una teologa, almeno non più di quanto studiare filosofia faccia diventare la gente filosofa. Non mi piace essere definita giovane, a 37 anni essere considerati adulti dovrebbe essere un diritto. Non fumo, non porto gioielli preziosi, detesto i graziosi cadaveri dei fiori recisi, i giornalisti che mi chiedono quanto c'è di autobiografico e gli aspiranti pubblicatori che mi mandano da valutare romanzi che non leggerò mai, perché preferisco di gran lunga i saggi. Sono vegetariana, ma so riconoscere le occasioni in cui si può fare uno strappo. Per etica politica mi definisco di sinistra, e nel mio ordine interiore quella parola ha ancora senso. Sono sposata, e questo mi ha resa una persona più trattabile, anche se mi rendo conto che a leggere questa biografia non si direbbe. C'è tempo." dal sito ufficiale della scrittrice Descrizione:Passando per l’isola mitica di Avalon e ammettendo finalmente le donne alla tavola rotonda di re Artù, Michela Murgia racconta il suo apprendistato intellettuale dall’infanzia in Sardegna alla vita di oggi. «Salii sulla nave con in borsa quel librone da viaggio con avventure cavalleresche un tanto al chilo senza immaginare che si trattava di uno degli atti di militanza più forti che mi sarebbe capitato di vedere nella vita, ma l’ho compreso prima ancora di arrivare alla pagina 10, quando era già evidente che quella che fino a quel momento avevo considerato come “la storia di Artù” o al massimo quella “dei cavalieri della tavola rotonda” era in realtà la storia di Morgana, di Igraine, di Morgause, di Viviana e di Ginevra» - Michela Murgia Quanto somiglia Cabras, Sardegna, paese natale di Michela Murgia, ad Avalon, Britannia, luogo mitico legato a Re Artù? Come Morgana, Igraine e Viviana, le "Signore del Lago", hanno il potere di sollevare le nebbie con le loro parole, influenzare e curare le vite dei cavalieri della Tavola Rotonda, così Michela Murgia, nata in mezzo alle acque di Cabras, ha il potere di sollevare le nebbie intorno alle storie e alle idee che stanno alla base dei suoi romanzi e dei suoi saggi: la versione delle donne, la versione degli uomini, la versione di Dio. In un viaggio che comincia in mezzo al mare e in mezzo al mare ritorna, Michela Murgia, una delle maggiori scrittrici italiane, racconta come e perché è diventata femminista, come e perché ha cominciato a temere le gerarchie religiose, come e perché non ha mai smesso di giocare di ruolo nel mondo magico di Lot, come e perché certi libri che ci hanno fatto crescere, in effetti, li abbiamo mangiati più che letti, e soprattutto come e perché creare ogni giorno il mondo che ci circonda è un gesto politico.https://www.ibs.it/inferno-buona-memoria-visioni-da-libro-michela-murgia/e/9788831729901 Cosa ne penso io:Se è stato un librone che ha ispirato questo saggio , il libro in sè è breve ma denso di concetti cari all'autrice che da sempre si definisce "femminista" e che a ispirarlo sia un romanzo che io ho molto amato: Le nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley.Ho letto tutto il ciclo di Avalon ed effettivamente le donne avevano un ruolo importante all'epoca druidica e all'epoca di re Artù. Come dimostra l'autrice l'avvento del cristianesimo, mentre ha mantenuto il ruolo dei maschi ha fatto retrocedere la figura femminile nel ruolo di persona sottomessa all'uomo e alla chiesa. Non più sacerdotesse le donne hanno dovuto accontentarsi ad un ruolo marginale e la Murgia si chiede se questo sia stato per volere divino o umano. Piacevole assistere alla presentazione di questo libro del quale sottoscrivo ogni parola!Leggetelo!

Ricordati che questa è l'opinione di un lettore e non rappresenta una recensione ufficiale del libro.

Di questo autore

2009
Immagine non disponibile

Accabadora

Vai al libro

2010
Immagine non disponibile

Il mondo deve sapere

Vai al libro

2011
Immagine non disponibile

Ave Mary

Vai al libro

01/01/2006
Immagine non disponibile

Il mondo deve sapere

Vai al libro

01/09/2011
Immagine non disponibile

Accabadora

Vai al libro

01/05/2011
Immagine non disponibile

Ave Mary

Vai al libro

01/01/2010
Immagine non disponibile

Accabadora

Vai al libro

12/06/2012
Immagine non disponibile

L'incontro

Vai al libro

2015
2018
Immagine non disponibile

L'inferno è una buona memoria: Visioni da "Le nebbie di Avalon" di Marion Zimmer Bradley

Vai al libro