Sotto cieli noncuranti, recensito da sofia su Bookville.it

Benedetta Cibrario, scrittrice italiana, è nata a Firenze nel 1962. Laureata in Storia e Critica cinematografica, durante gli anni universitari collabora con il “Giornale dell’Arte” e con “L’Espresso”. Dopo l’università si trasferisce più volte tra l’Italia e l’Inghilterra, per motivi professionali. Esordisce nel 2007 con un romanzo pubblicato da Feltrinelli, Rossovermiglio, che l’anno seguente si aggiudica il Premio Campiello e viene pubblicato in diversi paesi europei. Nel 2009, invece, esce Sotto i cieli noncuranti (Feltrinelli), premiato con il Premio Rapallo Carige 2010. Negli anni successivi seguono il romanzo breve Lo scarnuso (Feltrinelli, 2011) e Il rumore del mondo (Mondadori, 2018). La storia: Matilde ha dodici anni. Non sopporta i guanti spaiati e compie piccoli, bizzarri rituali per addomesticare la realtà, per darle un ordine. È un dicembre torinese, pieno di neve e di ombre. Pochi giorni prima di Natale, il padre di Matilde, il magistrato Giovanni Corrias, è chiamato a indagare sul caso di un bambino morto in circostanze misteriose. Mentre avvia i primi accertamenti e formula le prime ipotesi sua moglie viene investita da un'auto, ed è come se la sorte disegnasse una sua geometrica contemporaneità. Al colpo durissimo il magistrato risponde facendo leva sul senso del dovere e della professione, aggrappandosi alle indagini in corso. Violaine, una giovane poliziotta laureata in psicologia, lo aiuta a ricostruire la sequenza dei fatti. Matilde, intanto, osserva gli adulti e il loro dibattersi alle prese con la fragilità dell'esistenza. Con ostinata tenerezza si domanda in che maniera curare il dolore del padre e delle sorelle, nella convinzione che spetti a lei tentare di aggiustare quello che si è improvvisamente rotto, e alla geometria oscura della morte se ne sovrappone un'altra, luminosa e impalpabile.https://www.ibs.it/sotto-cieli-noncuranti-libro-benedetta-cibrario/e/9788807018008 Il mio pensiero Il titolo,peraltro molto bello, è preso da una poesia di Dylan Thomas. Il dolore il filo conduttore delle due voci narranti . il magistrato e la figlia Matilde, che morta la madre in un incidente, prima del suo dolore tenta di colmare il dolore del padre e delle sorelle “Le cose spaiate si devono appaiare. Le cose rotte si devono aggiustare. E quelle che fanno soffrire, si devono curare”.Stile ottimo anche se a volte dispersivo Sembra un giallo ma poi il caso resta in sospeso.A volte ho avuto la sensazione che tutto il dolore che pervade il romanzo sia costruito ad arte e poco partecipato E' comunque un'ottima lettura che consiglio.

Ricordati che questa è l'opinione di un lettore e non rappresenta una recensione ufficiale del libro.

Di questo autore

2010
Immagine non disponibile

Sotto cieli noncuranti

Vai al libro

2011
Immagine non disponibile

Lo scurnuso

Vai al libro

01/01/2007
Immagine non disponibile

Rossovermiglio

Vai al libro

2009
Immagine non disponibile

Rossovermiglio

Vai al libro