Non ricordo se ho ucciso
  • 9788864111421
  • Fazi
  • 2012

Non ricordo se ho ucciso

di Alice Laplante

Jennifer White, un grande chirurgo ortopedico in pensione, vive i primi sintomi dell'Alzheimer quando la sua amica di una vita Amanda viene trovata uccisa, con le dita di una mano perfettamente amputate. I sospetti ricadono su Jennifer, che non può né confessare né difendersi dall'accusa, non riuscendo ad avere, man mano che la malattia avanza, alcun controllo sulla propria memoria. Parallelamente alle indagini, la prospettiva lacunosa della protagonista disegna il mosaico di relazioni che la legano ai figli Mark e Fiona, al marito scomparso, all'infermiera Magdalena. E soprattutto all'amica assassinata, cui la stringeva un rapporto pieno di tensioni irrisolte. Il giallo si dipana in una spirale di rivelazioni che, toccando un ampio spettro di corde emotive, mette a nudo le verità che ognuno nasconde: un passato che adesso, nella mente frantumata di Jennifer, riaffiora in tutta la sua ambiguità. www.lafeltrinelli.it


Acquista su Amazon.it
Acquista su ibs.it

Commenti (1)

11/07/2019 - palmaleona
utente
Il racconto confuso, sincopato, a tratti spietato e crudele rispecchia probabilmente con fedeltà ciò che alberga nella mente di chi è affetto dal morbo di Alzheimer. La protagonista è accusata dell'omicidio di una sua cara amica ma lei non ricorda nulla, ne' dell'omicidio, ne'della sua amica, a volte neanche ricorda i suoi figli. Di continuo, mentre la sua malattia degenera inesorabilmente, viene incalzata dalla polizia perchè riesca in qualche modo a ricordare. Il finale sorprende e lascia l'amaro in bocca perchè offre al lettore la prospettiva peggiore delle sorti che spettano a chi diventa incapace di intendere e di volere.

Leggi la recensione