Il gioco dell'amore e della morte
  • 9788838489983
  • Piemme
  • 2008

Il gioco dell'amore e della morte

di Harlan Coben

Una raccolta di diciannove racconti tinti di giallo e di nero con un unico comune denominatore: l'amore. Che si tratti di un matrimonio, come quello festeggiato da due anziani coniugi in un divertente anniversario al veleno ("Finché morte non ci separi" di Tim Maleeny) o di un appuntamento al buio dopo aver fatto conoscenza in una chat ("Cyberdate.com" di Tom Savage), in questi "corti" l'amore va a passeggio con la sua compagna più fedele, la morte, l'unica in grado di risolvere gli infiniti grattacapi che una grande passione sa riservare. Niente di più efficace di un omicidio ben architettato per porre fine a un legame, una volta infuocato, ma ormai sopraffatto dalla noia e dall'incompatibilità. Niente di meglio di una soluzione definitiva quando si tratta di rivali, la gelosia si placa con il sangue, o di vendicare la scomparsa dell'amore di una vita. Nulla come un bel suicidio per coronare il culmine di una passione infelice. Ma la morte non si limita a essere un mero strumento. Ha anche il suo coté romantico, trascendente, come quando mette in comunicazione un soldato caduto in guerra con la sua giovane vedova ("Home coming" di Charles Todd). E ha senza dubbio il suo fascino perverso, quando scatena passioni ingovernabili. Perché, se si può morire d'amore, si può anche amare di morire. O, più spesso, di far morire. Una raccolta che vi farà guardare con occhi del tutto nuovi il vostro partner, il vostro elettricista e anche il vostro cane. Sapendo che, se vuole, l'amore fa male


Acquista su Amazon.it
Acquista su ibs.it

Commenti (1)

06/09/2017 - Tesesempreastroz
utente
Annie piegò con cura il vestito e la biancheria e li adagiò lì sopra. Sullo scorcio immoto della sera fecero l'amore mentre il terriccio, lieve come farina, si levava in sbuffi intorno alla coperta. Poi, le scrisse sul ventre il proprio nome con la polvere che, appiccicandosi al sudore, ritrovava consistenza. «Non verrà mai via» le disse. «E se faccio una doccia?» «No, no.» Scosse la testa con serietà. «Tra dieci anni, guardandoti lì, vedrai il mio nome. Ti ho marchiata per sempre. Proprio come tu hai marchiato me.

Leggi la recensione

Immagine non disponibile

Il gioco dell'amore e della morte

Vai al libro

Immagine non disponibile

Svaniti nel nulla

Vai al libro

Immagine non disponibile

Estate di morte

Vai al libro

Immagine non disponibile

Svaniti nel nulla

Vai al libro

Immagine non disponibile

Non dirlo a nessuno

Vai al libro

Immagine non disponibile

Suburbia killer

Vai al libro

Immagine non disponibile

Identità al buio

Vai al libro

Immagine non disponibile

Senza lasciare traccia

Vai al libro

Immagine non disponibile

Non hai scelta

Vai al libro

Immagine non disponibile

Se ti trovi in pericolo

Vai al libro